Wellness, i trend di oggi e di domani

Future of Wellness 2024, l’ultima edizione dell’annuale rapporto del Global Wellness Summit (GWS) sulle tendenze del benessere previste per il nuovo anno, svela le previsioni sui maggiori cambiamenti che interesseranno i settori salute, benessere e termale. Tra queste spicca una nuova attenzione per il benessere postpartum, la crescita del benessere sociale ed emotivo per gli uomini e una sempre più diffusa propensione verso un benessere che si adatta al clima, così come il megatrend della longevità e dei farmaci per la perdita di peso. Gli autori del rapporto hanno fatto sapere che il 2023 è stato l’anno in cui hanno rilevato i maggiori cambiamenti dell’ultimo decennio, sottolineando che il benessere è in fase di trasformazione ed è sempre più definito da mercati e mentalità molto diversi tra loro, se non addirittura contraddittori.

La prima tendenza prevista dall’indagine “Future of Wellness” è un cambiamento culturale che pare essere già in corso: alla crescente solitudine maschile, l’industria del benessere risponde con una nuova ondata di soluzioni progettate per aiutare gli uomini a riconnettersi con sé stessi e con gli altri. Il benessere ha da tempo riservato uno spazio alle donne, ma lo stesso non vale per gli uomini, che sono stati esclusi o penalizzati da una concezione stereotipata della mascolinità. Non a caso si stanno diffondendo ritiri e comunità dedicati agli uomini che favoriscono la condivisione autentica dei sentimenti. Il GWS prevede che le offerte finalizzate al benessere sociale ed emotivo degli uomini diventeranno più sfumate e distribuite più equamente tra tutte le fasce d’età e più globali.

Uomo che si rilassa in piscina

La seconda tendenza prevista riguarda il benessere che si adatta al clima, ovvero nuovi dispositivi e nuove attività in grado di contrastare il preoccupante surriscaldamento del Pianeta. Il benessere adattativo al clima metterà in campo soluzioni di raffreddamento anche nell’ambito dell’architettura e del design, destinando più spazi al verde, realizzando coperture arboree e giardini pensili. E l’abbigliamento rinfrescante, dotato di tecnologia intelligente, sarà sempre più diffuso, e lo stesso vale per i dispositivi indossabili che monitorano gli indicatori di calore del corpo, della temperatura interna e l’idratazione agli elettroliti. Il rapporto Future Trends prevede anche una maggiore attenzione alla terapia del caldo e del freddo per la termoregolazione del corpo, così come programmi “più freschi” di benessere notturno, come l’osservazione delle stelle e lo yoga con la luna piena.

Uomo anziano che si allena al parco

La terza tendenza prevista riguarda la longevità, che nel corso del 2023 si è ritagliata un ruolo sempre più importante nell’ambito del biotech, della salute e del benessere. Secondo il GWS non è più una tendenza, bensì un pilastro del settore, una vera e propria economia interconnessa il cui valore è destinato a raggiungere i 610 miliardi di dollari entro il 2025. Le cliniche per la longevità, altamente mediche, high-tech e costose, costituiscono il business del benessere che cresce più rapidamente. Più 1.000 cliniche, in tutto il mondo, offrono test diagnostici avanzati per prevenire i problemi legati all’invecchiamento e sono sempre più numerosi i resort benessere che si stanno trasformando in strutture altamente mediche che erogano servizi finalizzati alla longevità, ovvero all’allungamento della vita in salute, in cui si è efficienti e autonomi. Operatori rinomati come SHA Wellness e Clinique La Prairie annunciano aggressivi piani di espansione. Si prevede che nel corso del 2024 il numero di strutture specializzate nella longevità aumenterà significativamente, ma il settore deve porsi anche domande difficili, come ad esempio quale sia l’impatto del desiderio di “non morire mai” sulla salute mentale e sull’accettazione della morte.

Per maggiori informazioni:

Future of Wellness 2024