Super green pass in arrivo, cosa cambia?

Da lunedì 6 dicembre entra in vigore il “super green pass” o “green pass rafforzato”, valido fino al prossimo 15 gennaio salvo proroghe del Governo.

Il super green pass, in particolare, attesta:

  • l’avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della relativa dose di richiamo;
  • l’avvenuta guarigione da Covid-19, con contestuale cessazione dell'isolamento prescritto in seguito a infezione da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del ministero della Salute;
  • l’avvenuta guarigione da Covid-19 dopo la somministrazione della prima dose di vaccino o al termine del prescritto ciclo.

Il super green pass verrà richiesto per le attività che, in zona gialla o arancione, sarebbero sospese o limitate. Si potrà continuare a utilizzare il green pass “ordinario” (che include anche il green pass ottenuto attraverso l’effettuazione di test antigenico rapido o molecolare) per lo svolgimento di quelle attività che già, in zona gialla, richiedono il possesso del green pass.

Quali sono i cambiamenti per il mondo dello sport?

  • A partire dal 6 dicembre sarà necessario il possesso di certificazione verde “base” per poter accedere agli spazi adibiti a spogliatoi e docce, con l’eccezione degli accompagnatori delle persone non autosufficienti in ragione dell’età o di disabilità. Questi dovranno comunque utilizzare correttamente i dispositivi di protezione individuali.
  • A partire dal 29 novembre, in zona gialla, sarà consentito di essere presente come pubblico alle competizioni sportive solo ai possessori di super green pass; le capienze sono aumentate nel rispetto della disciplina della zona bianca (ovvero all’aperto dal 50% al 75%, al chiuso dal 35% al 60%).
  • A partire dal 29 novembre, in zona arancione, solamente i possessori di super green pass potranno:
    - frequentare gli impianti sciistici nel rispetto della disciplina della zona bianca;
    - organizzare/partecipare a eventi e competizioni sportive anche se non rientranti nella definizione dell’art. 18 del DPCM 2 marzo 2021;
    - svolgere attività sportiva al chiuso (palestre e piscine), anche di squadra e di contatto;
    - svolgere attività sportive;
    - utilizzare gli spogliatoi e le docce;
    - presenziare come pubblico alle competizioni sportive, nel rispetto della disciplina della zona bianca (ovvero all’aperto al 75%, al chiuso al 60%).

 

Per maggiori informazioni:

Leggi il testo del del Decreto-Legge 26 novembre 2021, n. 172 - Misure urgenti per il contenimento dell'epidemia da Covid-19 e per lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali.