In attesa del contributo a fondo perduto

È in attesa di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto che stabilisce i beneficiari, e le modalità di erogazione, del contributo a fondo perduto destinato alle attività economiche maggiormente penalizzate dalle chiusure.

Nel dettaglio, questo provvedimento riguarda lo stanziamento di 140 milioni di euro destinati alle attività che tra il 1° gennaio e il 25 luglio 2021 hanno subìto una chiusura di almeno 100 giorni. Giampaolo Duregon – presidente di ANIF – ha fatto notare che il sostegno medio si aggirerà intorno ai 12.000 euro, a fronte di perdite, registrate da palestre, centri sportivi e piscine, che oscillano tra i 20.000 e i 100.000 euro, evidenziando l’insufficienza della misura.

Il contributo a fondo perduto verrà erogato direttamente sul conto corrente bancario o postale indicato nell’istanza da presentare seguendo le indicazioni del provvedimento che l’Agenzia delle Entrate è tenuta ad adottare entro 60 giorni dalla pubblicazione del decreto, subordinatamente alla notifica e approvazione della misura di aiuto da parte della Commissione Ue.